News
Rimani sempre aggiornato sulle novità UIL!

Coca Cola di Nogara, Perina (Uil) «Lavoratori strumentalizzati»

Alta tensione allo stabilimento della Coca Cola di Nogara: «Bisogna impedire le strumentalizzazioni». Il segretario della Uil Verona, Lucia Perina, interviene il giorno dopo le botte e gli schiaffoni ai tornelli di uscita. «Quindici giorni di prognosi – racconta la leader sindacale – per una lavoratrice che è stata afferrata per i capelli e trascinata per terra. È una nostra iscritta, ma il punto non è questo. Il punto è che ciascuno di noi, anche coloro che hanno organizzato in questi giorni il blocco produttivo (Adl Cobas, ndr ), deve evitare che si arrivi alla guerra tra lavoratori».

La contesa, come noto, riguarda la cooperativa che ha in appalto i servizi logistici della Coca Cola. Un accordo firmato dalla Uil prevede siano impiegati 77 addetti, mentre per i 14 rimanenti in esubero «c’è un impegno sottoscritto – ricorda la Perina – per la loro ricollocazione in altri appalti della stessa cooperativa, entro un raggio di 40-50 chilometri e a parità di retribuzione. Questa è la realtà, tutto il resto è fuffa: l’accordo firmato è da valorizzare, non da ostacolare con tutti i mezzi. Non c’è una ragione seria per farlo. Noi – conclude – adesso siamo preoccupati. La Coca Cola è una multinazionale che può permettersi di scegliere un’altra cooperativa per i suoi servizi logistici. E se questo avvenisse, vista la situazione, a pagare sarebbero tutti i lavoratori adesso impegnati».

FOLLOW US
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Convenzioni