News
Rimani sempre aggiornato sulle novità UIL!

Tregua tra vigili e amministrazione a Villafranca, ora aspettiamo i fatti

Nella mattinata odierna si è svolta presso la Prefettura l’incointro per il tentativo di conciliazione a seguito dello stato di agitazione promosso dai lavoratori della Polizia Locale del Comune di Villafranca e proclamato da FP CGIL e UIL FPL.
Per la parte sindacale erano presenti Simone Perale (UIL FPL), Elisabetta Rossoni (FP CGIL) e il rappresentante RSU Nuccio Caldarola (UIL FPL).
Per il Comune di Villafranca era presente il Comandante Angelo Competiello.
L’incontro è stato presieduto dal Capo di Gabinetto Viceprefetto Dott. Alessandro Tortorella.

La parte sindacale, nel richiamarsi al documento con il quale è stato avviato l’attuale stato di agitazione, ha evidenziato difficoltà di dialogo ed organizzative all’interno della Polizia Locale di Villafranca.
In particolare, lamentando una forte carenza di impegno da parte dei responsabili della Polizia Locale per cui, nel tempo, si sono compromessi i rapporti ed il personale non ha idee chiare su obiettivi e strategie.
Viene inoltre sottolineato che l’attività svolta dal Sindaco in questa tematica non può sostituirsi ai compiti della dirigenza a cui viene invece richiesta una capacità più gestionale diretta.

Infine, la parte sindacale ha evidenziato che le eventuali carenze organizzative o numeriche degli ufficiali non possono in alcun modo essere supplite con la creazione di figure intermedie che si occupino di coordinamento e controllo ma che non siano supportate da chiare disposizioni normative.
Dopo approfondita discussione, su richiesta espressa della parte sindacale, il Comandante si è impegnato a fissare una serie di incontri programmatici con il personale per delineare e chiarire le strategie operative, in maniera da ristabilire i confini e i compiti spettanti alla parte politica e alla parte organizzativa ed amministrativa.

La parte sindacale, preso atto di quanto dichiarato a mezzo stampa nei giorni scorsi dal Sindaco e degli impegni presi dal Comandante, dichiara di chiudere lo stato dì agitazione e pertanto il tentativo obbligatorio di raffreddamento si conclude con esito positivo, nella fiduciosa speranza che i comportamenti da parte dell’Ente siano da oggi in poi conseguenti agli impegni presi.

FOLLOW US
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Convenzioni