News
Rimani sempre aggiornato sulle novità UIL!

Melegatti, sfornati i primi pandori. I lavoratori: «Che gioia, siamo vivi»

Il primo pandoro è uscito dai forni alle 7 di mercoledì mattina. Nell’aria il profumo di burro e vaniglia, quello tipico dei dolci di Natale. Dentro a quella prima infornata i lavoratori Melegatti ci hanno messo la loro ricetta particolare, fatta di gioia, attaccamento all’azienda, orgoglio e un po’ di rabbia per tutto questo tempo perso. Fino alla settimana scorsa erano fuori dai cancelli dello stabilimento di San Giovanni Lupatoto; per loro sono stati mesi d’ansia e d’attesa.

Adesso sono felici. «Siamo contentissimi – raccontano i lavoratori alla fine del primo turno – si riprende alla grande. Il pandoro è buonissimo, anzi è bellissimo». Dopo il via ufficiale da parte del tribunale di Verona, mercoledì il primo giorno della campagna produttiva natalizia è stato come un ritorno a casa: pieno di emozione, di sorrisi, di voglio di fare. «È stata una bella sensazione – racconta Franco – una gran bella soddisfazione. Finalmente abbiamo preso la direzione giusta perché il più giovane, lavora qui da almeno dieci anni e noi siamo legatissimi a questa azienda».

«Ripartenza che dà speranza»

Laura aggiunge: «Che emozione. Per noi Melegatti è la seconda casa, qui dentro ci sono i nostri sentimenti, il sacrificio, la dedizione». E così una alla volta o in gruppetti escono dal cancello. Il primo giorno di lavoro è andato, poi si riprenderà con turni più normali. Se mercoledì gli orari sono stati «sperimentali» come produzione pilota, giovedì si riprenderà a pieno regime: notturno, mattina e pomeriggio per spingere impastatrici e forni al massimo. «Siamo vivi – dicono – e siamo tornati con il sorriso. Questa è una ripartenza che dà speranza». Obiettivo, come ribadito dai nuovi vertici dell’azienda rappresentati dal direttore generale Luca Quagini, produrre entro il prossimo 10 dicembre un milione e 575mila tra pandori e panettoni.

La speranza è che le richiesta superino questa soglia e che la mini campagna natalizia duri qualche giorno in più, magari fino a metà del prossimo mese. Anche perché sui social si è scatenata una gara di solidarietà per acquistare i dolci della storica azienda veronese. «Lo sentiamo questo attaccamento dei veronesi alla Melegatti – conferma Quagini – e devo dire che ci incoraggia e inorgoglisce. Per questo, vista anche l’eccezionalità del momento, abbiamo contattato i nostri clienti invitandoli a incrementare i propri ordini anche oltre i piani previsti. La nostra intenzione, che secondo me si avvererà, è quella di protrarre la produzione anche al di là del 10 dicembre, aggiungendo quindi ulteriori giorni di lavoro».

Pagati gli stipendi

L’azienda, poi nell’incontro pomeridiano con le organizzazioni sindacali, ha confermato il proprio impegno a pagare in anticipo, secondo le modalità indicate dal tribunale di Verona, gli stipendi di novembre e dicembre. Per i lavoratori un altro sospiro di sollievo visto che non vedono retribuzione da agosto. «Anche questa è una notizia che attendevamo – confermano – perché senza soldi era diventata complicata anche la vita di tutti i giorni». Ovviamente, non tutti i problemi della Melegatti sono risolti. Dopo la mini campagna di Natale, il percorso di risanamento rimane ancora lungo, ma come raccontano «adesso vediamo la luce in fondo al tunnel. Lavorare è un ritorno alla normalità». Che è fatta di piccoli segnali, come quello della riapertura dello spaccio aziendale all’interno dello stabilimento di San Giovanni. Sabato aprirà i battenti per vendere, come da tradizione, i pandori Melegatti.

Fonte: Corriere di Verona

FOLLOW US
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Convenzioni