News
Rimani sempre aggiornato sulle novità UIL!

A Verona tornano a crescere gli infortuni sul lavoro: +1,5%

Tornano ad aumentare gli infortuni sul lavoro in provincia di Verona. Dopo il dato di sostanziale stabilità del 2017, l’anno scorso il numero degli incidenti denunciati all’Inail nel veronese e in Veneto ha confermato l’inversione di tendenza rispetto al decennio precedente (che vedeva anno dopo anno un calo progressivo).

Il dato provinciale relativo ai singoli eventi dichiarati sui lavoratori dell’industria e dell’artigianato – 12.952, duemila dei quali “in itinere”, cioè sul tragitto casa-lavoro e viceversa – vede una crescita dell’1,5% rispetto al +0,2% dell’anno precedente. Rilevante era stato anche il +2,9% del 2016 dopo molti anni di calo più o meno costante. L’interruzione del virtuoso percorso di riduzione dei sinistri che durava dal 2006, favorita peraltro dal calo degli occupati per effetto della crisi, ha molte cause. Ad influire sulla negatività del dato 2018 è paradossalmente l’aumento dei giovani occupati nell’industria (e delle ore lavorate), quindi una minore valutazione del rischio da parte di queste maestranze. Ciò a dispetto del numero complessivo di ore lavorate, solo in leggerissimo calo rispetto al 2017, e del minore ricorso alla cassa integrazione, le cui ore autorizzate dall’Inps sono state il 40% in meno del 2011; sono fattori che incidono direttamente sull’esposizione al rischio dei lavoratori.

PIÙ MORTI SUL LAVORO. Ancor più significativo il numero degli incidenti mortali, 30 in tutto. Di questi, 25 nel settore industriale/manifatturiero contro i 14 del 2017 (15 nel 2016) e 5 quelli in agricoltura. Le «morti bianche» erano più di 30 all’anno 10 anni fa. In sensibile aumento anche il dato regionale dei morti sul lavoro, in tutto 109 rispetto agli 87 del 2017 (oltre 150 nel 2000). In Italia solo la Lombardia supera il Veneto. In aumento anche il numero degli infortuni del settore agricolo provinciale, in salita del 4,3% rispetto al -13% del 2017 e al -4,5% del 2016. In contrazione (dell’1%) il dato relativo alla pubblica amministrazione. Il totale degli infortuni sul lavoro in provincia nel 2018 sale complessivamente dell’1,3% contro il -0,5% del 2017.

INFORTUNI SU ANCHE IN VENETO. In base al rapporto annuale 2018, anche il totale degli infortuni registrati in Veneto risulta in aumento di poco più del 2% rispetto al calo dello 0,5% del 2017. Rilevante la crescita nelle province di Vicenza (+3,5%) e Padova (+6%). Solo Belluno e Rovigo in controtendenza. In alcune annate come il 2012 la diminuzione regionale annua del numero complessivo di incidenti sfiorava il 10%. Cresce anche il numero degli infortuni del settore agricolo regionale: l’aumento medio è dell’1,6% ma supera l’11% nella provincia di Belluno e il 4% nel veronese. Solo Padova cala del 3%. Il veronese si conferma il territorio veneto storicamente più esposto ai sinistri agricoli: avviene qui il 34% degli infortuni regionali. Con l’eccezione del comune di Verona (79 casi), il numero maggiore di incidenti in agricoltura si è verificato nel comune di Villafranca (43 casi) seguito da quello di Isola della Scala (31).

LEGGERA CRESCITA NELL’INDUSTRIA. Il numero degli infortuni denunciati nel veronese tra industria e artigianato nel 2018 è stato di 12.952 casi, circa 200 in più rispetto al 2017 (il 21% circa a danno di lavoratori extracomunitari). La somma di tutti i sinistri per settore – agricolo, industriale, terziario e pubblica amministrazione – è pari a 16.300 eventi contro i 15.950 del 2017, il 22% circa a carico di stranieri. Stabile la percentuale a carico delle donne, pari a circa il 30% del totale. Leggero aumento per il numero dei sinistri nelle aziende artigiane, dove si è verificato il 12% degli infortuni denunciati in provincia.

INFORTUNI E SETTORI. Quasi tutti i settori vedono più infortuni rispetto al 2017. Quelli nel manifatturiero veronese, che da solo assorbe quasi il 22% degli incidenti «industriali» sono cresciuti di poco più del 1,7%. Stabili sono invece nel settore delle costruzioni dopo il -13% del 2017. In leggero aumento anche gli infortuni a carico di minori e giovanissimi. Nel veronese quelli a carico di lavoratori entro i 19 anni sono stati 480, il 3,6% del totale. Quasi la metà degli incidenti sul lavoro vede coinvolti i giovani, visto che il 42% degli occupati vittima di un infortunio ha meno di 35 anni e che solo il 18% ne ha più di 50.

Gabriele Bozzini Sportello salute e sicurezza Uil Verona dichiara: “l’aumento percentuale degli infortuni sul lavoro nella nostra provincia è un segnale di quanto il percorso intrapreso in questi anni verso la cultura della sicurezza e della prevenzione sia ancora lungo e tortuoso. E uno sguardo attento, come si evince dai dati Inail, va dato alle nuove generazioni di lavoratori che si inseriscono in un mondo del lavoro al quanto complesso nel quale la flessibilità e la precarietà si può tradurre in meno formazione specifica e più probabilità di incorrere in infortuni sul lavoro”.

Sicurezza e Salute sul lavoro: alcuni siti utili per gli Rls

Centro per la Cultura della Prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita (CCP) http://www.lavoroeformazioneincomune.it/centro-cultura-prevenzione-luoghi-lavoro-vita/ www.lavoroeformazioneincomune.it (Sito della Direzione Centrale Politiche del Lavoro Sviluppo Economico e Università) CIIP ( Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione ) www.ciip-consulta.it dove trovare i...
Leggi di più »
FOLLOW US
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Leggi la nostra Privacy policy

Convenzioni