News
Rimani sempre aggiornato sulle novità UIL!

Dure critiche di FLAI-FAI-UILA Veneto del Tavolo Verde in Regione

Agricoltura e Coronavirus, questo il tema del Tavolo Verde convocato della Regione Veneto, che ieri ha discusso con le sole Associazioni agricole .
Come Sindacato Fai Flai Uila che rappresentiamo migliaia di lavoratori che operano quotidianamente nel settore agricolo, riteniamo singolare e preoccupante che la disamina di una dichiarata emergenza sanitaria ed economica che coinvolge tutti i cittadini avvenga in un tavolo regionale con le sole imprese.

Evidentemente per l’assessore Pan e la sua amministrazione i Lavoratori occupati non meritano opportuna voce e rappresentanza quasi che il lavoro in agricoltura non sia determinante per realizzare la raccolta e le produzioni. I timori espressi per una possibile scarsità di manodopera nei periodi di raccolta dei prodotti, potranno essere affrontati soltanto insieme a tutti i soggetti che operano nei campi e nei magazzini.
Come Sindacato sappiamo che Contrattualmente esistono già modalità come le convenzioni (finora poco usate nella nostra regione, diversamente da altre) che richiedono solo di essere usate, valutate e discusse.

La proposta di usare i Voucher per assumere i lavoratori , è una “stupidaggine” , usare il problema del Coronavirus per ridurre le tutele, la sicurezza e i diritti dei lavoratori è un atteggiamento della Regione Veneto aberrante e inqualificabile. Per il Sindacato, invece servono proposte per garantire ammortizzatori sociali a questo settore che ne è privo così come servono proposte per garantire il reddito alle famiglie e ancor meglio proposte per incentivare la manodopera a lavorare nel settore agricolo.
Sono già attivati da qualche mese i tavoli per il rinnovo dei contratti collettivi provinciali agricoli; quale occasione migliore per unire le sinergie tra produttori e lavoratori a fronte di questa “calamità” e per condividere strumenti utili anche attraverso gli enti bilaterali.
Nei periodi di difficoltà come questo è importante fare chiarezza, tutelare le aziende, le produzioni (che nulla centrano con la pandemia umana) ma anche i Lavoratori.
Ripristinare i voucher non solo non è necessario (abbiamo strumenti che garantiscono sia flessibilità sia opportune garanzie) ma causerebbe una riduzione dei diritti , delle sicurezze sociali e dei controlli sulla salute. Ma come si può pensare di incentivare la presenza di lavoratori stranieri o locali necessari nelle raccolte e nelle produzioni agricole senza coinvolgere i loro rappresentanti, garantendo trasparenza, salute e sicurezza.

La politica che vuole rappresentare gli interessi dei cittadini nel Veneto lo faccia tenendo conto del bene comune e non degli interessi e della bottega di qualcuno.

Per FAI – FLAI – UILA Veneto
A. Zanin – A. Gambillara – G. Bozzini

FOLLOW US
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Leggi la nostra Privacy policy

Convenzioni