News
Rimani sempre aggiornato sulle novità UIL!

Tavolo di coordinamento provinciale per i settori produttivi emergenza COVID

Al termine del quinto incontro con il Prefetto dobbiamo riscontrare positivamente come il tavolo di coordinamento si sia strutturato e consolidato ulteriormente. Oltre alla presenza delle organizzazioni di categoria, Confindustruia e Confimi e dei Sindacati, erano presenti la Direzione dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, dello Spisal, della Camera di Commercio, dei Vigili del Fuoco e della Guardia di Finanza oltre al Magnifico Rettore dell’Università di Verona.

L’ormai consueto aggiornamento del Prefetto in merito alle richieste aziendali relativo all’applicazione dei codici ATECO ha raggiunto le 5000 domande, circa 2000 controlli effettuati e 600 aziende invitate ad integrare le informazioni necessarie ad avere conferma autorizzativa a continuare la produzione. A fronte di questi dati e per rispettare i tempi, è chiaro che vanno implementati gli strumenti di verifica ed è per questo che riteniamo positiva la decisione della Camera di Commercio di avviare un portale per snellire le pratiche che sarà disponibile a partire da Lunedì 27 aprile, per consentire alle aziende l’inserimento dei dati e della documentazione da rendere disponibile agli enti ispettivi in funzione dell’applicazione delle norme previste dal DPCM, è convinzione diffusa che indipendentemente dai tempi della ripresa che sarà necessariamente graduale, questo strumento è estremamente utile.

Il Magnifico Rettore ha informato tutti i presenti al tavolo che gli impegni presi precedentemente dall’Università di Verona si sono concretizzati nella definizione di un POOL multidisciplinare che sarà disposizione del mondo economico e sociale come consulenza relativa a tutti gli aspetti dell’emergenza COVID, sia per quelli sanitari, giuridici, economici e sociali, per questo nel manifestare gratitudine per questa iniziativa ci siamo messi a disposizione come organizzazioni sindacali per contribuire.

Abbiamo poi ribadito nuovamente come la necessità di coordinamento in questi casi sia indispensabile, sia nel ricevere le informazioni che nel portare le varie problematiche che via via vengono raccolte, per questo ci siamo detti preoccupati ancora su aspetti come il ritardo sul monitoraggio e la campagna dei tamponi e dei test sierologici, la difficoltà per il sistema sanitario in merito all’approvvigionamento dei DPI che potrebbe essere ulteriormente aggravato dalla ripartenza dei settori produttivi.

Abbiamo anche aggiunto alcune osservazioni, riguardanti le criticità riscontrate nel settore della raccolta dei rifiuti solidi urbani, ancora oggi fatta in condizioni non rispettose delle norme di sicurezza, in particolare, i rifiuti raccolti a casa dei cittadini in quarantena che vengono smistati in discarica a mano dagli operatori. Una particolare osservazione l’abbiamo rivolta sia al Prefetto che alle associazioni datoriali a riguardo dei lavoratori della Logistica che in questi giorni sono soggetti a turni di lavoro massacranti anche i 12 ore, il controllo in questo caso oltre che agli enti ispettivi spetta a nostro avviso anche ai committenti spesso aziende industriali di rilievo a livello territoriale.

Per questo abbiamo auspicato che per le particolari prerogative del tessuto produttivo veronese, i controlli vengano fatti ed estesi anche in maniera ripetuta/continuativa per coprire la massima estensione delle attività, mettendo in campo tutti i soggetti, carabinieri, vigili urbani, che assieme agli enti ispettivi, possono esercitare sia il ruolo preventivo di consulenza e dopo se necessario anche quello sanzionatorio nella logica di garantire alle lavoratrici, ai lavoratori, ai cittadini in generale, le condizioni di sicurezza indispensabili in questo momento.

Verona, 23 aprile 2020

Segretario Generale CGIL di Verona Stefano Facci

Segretario Generale CISL di Verona Massimo Castellani

Segretario Generale UIL di Verona Lucia Perina

Comunicato Unitario: Cgil Cisl Uil contro le mafie!

Apprendiamo con profonda preoccupazione quanto riportato dai media in merito ai provvedimenti applicati dal GIP del Tribunale di Venezia che oltre ad un numero considerevole di persone coinvolgono anche amministratori pubblici veronesi, tutti coinvolti a vario titolo nell’organizzazione criminale individuata...
Leggi di più »
FOLLOW US
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Leggi la nostra Privacy policy

Convenzioni